Alexander Gottardi e il celestiale Blauburgunder di Mazzon

By Burton Anderson

Mazzon, una frazione collinare nella valle dell'Adige a sud di Bolzano, si è guadagnata una tale reputazione per i vini di Pinot Nero da essere definita "la piccola Borgogna d'Italia", anche se localmente viene anche chiamata "Blauburgunder Himmel" (il paradiso del Pinot Nero). In effetti, l'ambiente ha qualcosa di celestiale, con vigneti ben terrazzati incastonati tra antiche case coloniche e manieri su una pittoresca altura con prati alpini e boschi che svettano sullo sfondo.

I vigneti, piantati a 300-425 metri di altitudine su terreni sabbiosi e calcarei, godono di un microclima benefico con lunghe ore di sole temperato nel pomeriggio dall'Ora, la brezza mite che sale dal lago di Garda fino al tramonto quando le temperature scendono bruscamente, creando condizioni che esaltano le componenti aromatiche delle uve.

Possedere i vigneti a Mazzon è un privilegio, conferma Alexander Gottardi, il cui padre Bruno, commerciante di Innsbruck, ha acquistato la proprietà nel 1986 che è stata ampliata a 9 ettari vitati nel 1995, quando è stata costruita una moderna cantina. Per un certo periodo Gottardi ha prodotto anche Chardonnay e Gewürztraminer, ma dal 2010 la produzione è stata dedicata esclusivamente al Pinot Nero.

Alexander spiega che le condizioni di Mazzon favoriscono chiaramente il Pinot Nero, presente in zona almeno dal 1869, come conferma un certo Gustav von Gasteiger, che all’epoca riportò nel suo diario la degustazione di un buon vino di questa varietà presso la stazione ferroviaria locale. L'anno successivo Ludwig Barth von Barthenau, professore all'Università di Vienna, piantò il Pinot Nero nella sua nuova proprietà di Mazzon. Da allora la produzione è aumentata gradualmente, anche se lo spazio dei vigneti sui terreni terrazzati è limitato, contando oggi circa 65 ettari totali coltivati da 13 produttori.

I fattori ambientali a Mazzon mostrano analogie con quelli di alcune zone della Côte d'Or della Borgogna. Ma Alexander sottolinea che il Pinot Nero è una varietà notoriamente difficile da lavorare, che richiede una grande attenzione ai dettagli, non solo nei vigneti ma anche nelle cantine, e che ogni luogo presenta condizioni diverse. Gottardi segue principi di intervento minimi nei vigneti che in alcuni anni prevedono la potatura verde per scartare più della metà dei grappoli.

Una vendemmia molto selettiva è seguita dalla pigiatura dei grappoli diraspati e dal trasferimento della massa per gravità in tini di acciaio inox per la fermentazione. La maturazione avviene per 12 mesi in barriques e piéces, seguiti da 8 mesi in botti e fusti più grandi. Gottardi produce circa 45.000 bottiglie all'anno di Südtiroler Blauburgunder Mazzon. Da annate eccezionali l'azienda produce anche una versione limitata di "Riserva", per la quale Alexander ha sperimentato la fermentazione a grappolo intero per lotti limitati con risultati che descrive come promettenti.commerciante e importatore di vino, ha infatti acquisito una profonda conoscenza dei cru della Côte d'Or. E questo non ha fatto altro che accrescere la sua convinzione che il Blauburgunder di Mazzon mostri una classe e un carattere che lo distinguono dagli altri, rivelando un'identità orgogliosamente propria.

Alexander Gottardi sa bene che il Pinot Nero coltivato in Italia e in altri paesi al di fuori della Francia sarà inevitabilmente paragonato alla Borgogna. Come commerciante e importatore di vino, ha infatti acquisito una profonda conoscenza dei cru della Côte d'Or. E questo non ha fatto altro che accrescere la sua convinzione che il Blauburgunder di Mazzon mostri una classe e un carattere che lo distinguono dagli altri, rivelando un'identità orgogliosamente propria.

 

ENGLISH

Alexander Gottardi and the Celestial Blauburgunder of Mazzon

By Burton Anderson

Mazzon, a hillside hamlet in the Adige valley south of Bolzano, has gained such a reputation for wines from Pinot Noir that it has been called “Italy’s Little Burgundy” though it is also referred to around the Südtirol as “Blauburgunder Himmel”. Indeed, the setting has something celestial about it with neatly terraced vineyards set amidst ancient farmhouses and manors on a picturesque rise with a soaring backdrop of Alpine meadows and forests.

The vineyards, planted at 300 to 425 meters of altitude on sandy calcareous soils, enjoy a beneficial microclimate with long hours of sunshine tempered in the afternoon by the Ora, the mild breeze that wafts up from Lake Garda until dusk when temperatures drop sharply, creating conditions that enhance the aromatic components of the grapes.

Owning vineyards at Mazzon is a privilege, confirms Alexander Gottardi, whose father Bruno, a merchant from Innsbruck, bought the property in 1986 that was extended to 9 hectares of vineyards by 1995, when a modern winery was built. For a while Gottardi also produced Chardonnay and Gewürztraminer, but from 2010 on production has been devoted exclusively to Pinot Noir.

Alexander explains that the conditions at Mazzon clearly favor Pinot Noir, which has been planted there since at least 1869, as confirmed by a certain Gustav von Gasteiger, who recorded in his diary tasting a good wine from the variety at the local train station. The following year, Ludwig Barth von Barthenau, a professor at the University of Vienna, planted Pinot Noir at his newly purchased property at Mazzon. Production has increased gradually since, though vineyard space on the terraced terrains is limited, so that today only about 65 hectares are cultivated by 13 growers.

Environmental factors at Mazzon show similarities to those of certain areas of Burgundy’s Côte d’Or. But Alexander points out that Pinot Noir is a notoriously difficult variety to work with, requiring great attention to detail, not only in the vineyards but in the cellars, and that every location presents different conditions. He follows minimal intervention principles in the vineyards that in some years involve green pruning to discard more than half of the clusters.

A very selective harvest is followed by crushing destemmed clusters and transferring the mass by gravitational flow into stainless steel vats for fermentation. Maturation takes place for 12 months in barriques and piéces followed by 8 months in larger barrels and casks. Gottardi produces about 45,000 bottles a year of Südtiroler Blauburgunder Mazzon. From outstanding vintages the winery also produces a limited “Riserva” version—for which  Alexander has experimented with whole cluster fermentation for limited batches with results that he describes as promising.

Alexander Gottardi is well aware that Pinot Noir grown in Italy and other countries outside France will inevitably be compared with Burgundy. In fact, as a wine merchant and importer, he has gained a profound knowledge of the crus of the Côte d’Or. And that has only heightened his conviction that the Blauburgunder of Mazzon shows the class and character to stand out from the rest with an identity proudly its own.