Le Chiuse: Una sfida privilegiata

 Le Chiuse erano di proprietà della famiglia Biondi Santi da un secolo quando Ferruccio Biondi Santi selezionò un clone di Sangiovese Grosso che divenne la fonte del Brunello di Montalcino originale nel 1888. Il figlio di Ferruccio, Tancredi, lasciò in eredità la tenuta alla figlia Fiorella, esortandola a non vendere mai, perché è lì che sono nate le uve per il famoso Brunello Riserva. La figlia Simonetta Valiani, che ha ereditato l'amore per la terra e la passione per il vino del nonno, ha iniziato a produrre Brunello da Le Chiuse nel 1986. Lavorando con il marito Nicolò Magnelli e il figlio Lorenzo, ha restaurato la tenuta, impiantando nuovi vigneti e costruendo una cantina sotterranea.

Oggi Lorenzo Magnelli gestisce Le Chiuse come quella che descrive come una sfida privilegiata: cercare di eguagliare le conquiste dei suoi illustri antenati. Come ci spiega: "Tancredi Biondi Santi ha stabilito gli standard di quello che è diventato il moderno Brunello di Montalcino. A Le Chiuse, la sua ricerca era quella di una Riserva che durasse nel tempo, quasi eternamente".

L'azienda si estende per 18 ettari tra vigneti, oliveti e boschi situati in parte sul versante nord-orientale della collina di Montalcino a 300 metri sul livello del mare e in parte sul versante sud-orientale a 500 metri sul livello del mare. Cinque vigneti di Sangiovese Grosso coprono circa 8 ettari con una densità media di 4.000 viti per ettaro allevate a cordone speronato. La maggior parte dei vitigni deriva da una selezione massale di Sangiovese Grosso molto antico della Tenuta Biondi Santi Il Greppo. Il terreno, di origine marina, è ricco di materiale fossile combinato in striature argillose con una notevole presenza di galestro scistoso e tufo. Questa composizione predilige vini ricchi di aromi, di corpo pieno e con una gradazione alcolica equilibrata.

Le Chiuse produce circa 30.000 bottiglie all'anno suddivise tra Rosso di Montalcino, Brunello di Montalcino e Brunello di Montalcino Riserva. Come spiega Lorenzo, "Il Brunello è il nostro archetipo di vino, perché esprime il vero spirito de Le Chiuse". Date le origini di Le Chiuse e l'importanza del terreno, il nostro approccio è per definizione tradizionale nello stile, volto a preservare la nostra storia e la natura del terroir nel DNA del vino".

La vendemmia avviene generalmente in anticipo rispetto alla media della zona per raggiungere l'ampia acidità che esalta l'eleganza e la verticalità del vino e ne beneficia la longevità. Per ottenere una struttura e un volume ideali, si utilizzano solo grappoli di piccole e medie dimensioni. Selezionati a mano, in meno di mezz'ora vengono diraspati e, per scorrimento gravitazionale, depositati in fermentini di acciaio inox e cemento. La fermentazione avviene utilizzando solo lieviti indigeni, in modo che il vino mantenga le sue caratteristiche originali di aroma e sapore. La maturazione viene effettuata esclusivamente in grandi botti di rovere di Slavonia da 30 ettolitri per un periodo di circa 3 anni, con l'obiettivo di permettere al vino di respirare senza essere eccessivamente influenzato dal legno, rispettando la sua naturale evoluzione.

Egli osserva che il Rosso di Montalcino è solitamente considerato il fratello minore del Brunello di Montalcino, "ma per noi è un vino di spiccata personalità". Uscirà nel secondo anno dopo la vendemmia, è il più giovane dei nostri vini, il che significa che è anche il vino che meglio esprime il carattere varietale del Sangiovese nella sua succosità e freschezza".

 Le Chiuse ha introdotto una nuova politica di rilascio del Brunello Riserva solo nel decimo anno successivo alla vendemmia. Il Brunello di Montalcino Riserva DIECIANNI sarà presentato in dettaglio in un prossimo numero della Newsletter Heres.

 

Le Chiuse: A Privileged Challenge

 

Le Chiuse had been a possession of the Biondi Santi family for a century when Ferruccio Biondi Santi selected a clone of Sangiovese Grosso that became the source of the original Brunello di Montalcino in 1888. Ferruccio’s son Tancredi bequeathed the estate to his daughter Fiorella, urging her never to sell because it was there that the grapes for the famous Brunello Riserva originated. Her daughter Simonetta Valiani, who inherited her grandfather’s love for the land and passion for wine, began to produce Brunello from Le Chiuse in 1986. Working with her husband Nicolò Magnelli and son Lorenzo, she restored the estate, planting new vineyards and building an underground cellar.

Today Lorenzo Magnelli manages Le Chiuse as what he describes as a privileged challenge: striving to match the achievements of his illustrious ancestors. As he explains: “Tancredi Biondi Santi set the standards for what became modern Brunello di Montalcino. At Le Chiuse, his quest was for a Riserva that would last over time, almost eternally.”

The estate covers 18 hectares comprising vineyards, olive groves and woods situated in part on the northeastern side of the Montalcino hill at 300 meters above sea level and in part on the southeastern slope at 500 meters above sea level. Five vineyards of Sangiovese Grosso vines cover about 8 hectares with an average density of 4,000 vines per hectare trained in spurred cordon. Most vines derived from a massal selection of very old Sangiovese Grosso from the Biondi Santi Il Greppo estate.The terrain, of marine origin, is rich in fossil matter combined in clay striations with a notable presence of schistous galestro and tufa. This composition favors wines of rich aromas, full body and well-balanced alcohol levels.

 Le Chiuse produces about 30,000 bottles of annually divided between Rosso di Montalcino, Brunello di Montalcino and Brunello di Montalcino Riserva. As Lorenzo explains, “Brunello is our archetype wine, because it expresses the true spirit of Le Chiuse. Given the origins of Le Chiuse and the importance of the terrain, our approach is by definition traditional in style, aimed at preserving our history and the nature of the terroir in the wine’s DNA.

 Harvesting generally takes place earlier than the average for the area to attain the ample acidity that enhances the elegance and verticality of the wine and benefits longevity. To attain ideal structure and volume, only small to medium sized grape bunches are used. Selected by hand, in less than a half hour they are destemmed and, by gravitational flow, deposited in stainless steel and cement fermenters. Fermentation takes place using only indigenous yeasts so that the wine retains its original characteristics of aroma and flavor. Maturation is carried out exclusively in large 30-hectoliter Slavonian oak barrels for a period of about 3 years, the aim being to allow the wine to breathe without being excessively influenced by the wood, respecting its natural evolution.

He notes that Rosso di Montalcino is usually considered the little brother of Brunello di Montalcino, “but for us it’s a wine of distinct personality. Coming out in the second year after the harvest, it’s the youngest of our wines, meaning that it is also the wine that best expresses the varietal character of Sangiovese in its juiciness and freshness.”

Le Chiuse has introduced a new policy of releasing Brunello Riserva only in the tenth year after the harvest. Brunello di Montalcino Riserva DIECIANNI will be presented in detail in a coming issue of the Heres Newsletter.